Regolamento

ESORDIENTI FAIR PLAY ELITE 2017 /2018

ATTIVITÀ NAZIONALE GIOVANILE DI CALCIO A NOVE UNDER 13

Premessa

Al fine di valorizzare l’attività svolta dalle società appartenenti alle Leghe Professionistiche e alle Scuole di Calcio Élite, il Settore Giovanile e Scolastico ha sviluppato un progetto a carattere nazionale (con fasi locali, regionali, interregionali e nazionale) che permetta a dette società di confrontarsi in una attività a loro riservata, a partire dal mese di Ottobre.

Lo scopo del presente progetto oltre a valorizzare il percorso educativo delle singolo società, permette di promuovere ulteriormente il valore del Fair Play e, contestualmente, dare opportunità di verifica del percorso tecnico-didattico realizzato dalle società nella categoria Esordienti, al termine della prima fase di formazione calcistica.

I giovani calciatori coinvolti avranno la possibilità di confrontarsi attraverso la modalità di gioco 9vs9, modello di riferimento per la categoria Esordienti, e sarà preceduta da una rapida competizione che mette in rilievo le abilità dei singoli giocatori, nel dribbling e nel tiro in porta, così come le abilità dei giovani portieri nelle uscite basse e nella copertura della porta.

Questa modalità di confronto permetterà ai giovani calciatori di cimentarsi in differenti situazioni di gioco che comportano l’applicazione di abilità tecnico-tattiche individuali, consentendo loro di aumentare il bagaglio di esperienze vissute, sia sul piano tecnico e motorio, che sul piano emozionale.

REGOLAMENTO GENERALE

Introduzione

Il Settore Giovanile e Scolastico della FIGC organizza un’attività a carattere Nazionale riservata alla Categoria UNDER 13 delle società professionistiche di Serie A, di Serie B e di Lega PRO e delle Scuole di Calcio Élite riconosciute nella corrente stagione sportiva 2017/2018.

L’attività viene sviluppata basandosi sui principi che sostengono l’attività giovanile e del programma di sviluppo previsto per le Scuole di Calcio Élite, nell’ambito dell’attività della categoria Esordienti FAIR PLAY.
Resta inteso che nel corso di svolgimento dell’attività non sono ammessi comportamenti e atteggiamenti non consoni all’attività sportiva, respingendo forme di comportamento negativo e di non rispetto delle norme che regolano l’attività giovanile e di base.
A tal proposito si precisa che eventuali inadempienze (es. mancato rispetto delle norme delle sostituzioni, mancata partecipazione alle gare di un numero sufficiente di tesserati, ecc.), possono determinare la revoca del riconoscimento delle Scuole di Calcio Élite, e quindi l’esclusione dall’attività Esordienti Fair Play Élite.
Scopo dell’attività è di coinvolgere le società in un programma di confronto esclusivo per le Scuole di Calcio Élite e Professionistiche del territorio, per cui le graduatorie che verranno stilate saranno utilizzate esclusivamente per determinare le società che saranno coinvolte nelle fasi successive previste a livello regionale, interregionale e nazionale, ma non hanno lo scopo di stilare graduatorie di merito tecnico e/o meritocratico.

Si precisa inoltre che tutte le società non coinvolte nelle fasi regionale, interregionale e nazionale continueranno a seguire il programma di attività previste, partecipando ai concentramenti “Esordienti Fair Play Elite” organizzati in contemporanea nel territorio, la cui attività si concluderà in tutte le regioni nel mese di giugno.

Di seguito si riportano Regolamento Tecnico, Regolamento del Gioco Tecnico e Regolamento Fair Play del
Torneo Under 13 – Esordienti Fair Play Élite 2018.

Categoria di Partecipazione

Il Torneo è riservato a giovani calciatori della Categoria Esordienti UNDER 13 nati dal 01.01.2005, secondo quanto di seguito specificato:
– Società PROFESSIONISTICHE: Squadra composta da giovani calciatori nati nel 2006
(le Società Professionistiche che hanno ottenuto deroga per partecipare con i pari età, potranno partecipare con giovani calciatori nati nel 2005 o con squadre di età mista 2005-2006)

– Società SCUOLE CALCIO ELITE: Squadra composta da giovani calciatori nati nel 2005
(qualora ci siano Società che non hanno un numero sufficiente di tesserati nati nel 2005, è possibile partecipare all’attività con il gruppo Esordienti di età mista 2005-2006)

All’attività possono partecipare anche giovani calciatrici nate nell’anno 2004, purché in regola con la prevista deroga rilasciata dal Settore Giovanile e Scolastico, sia con società Professionistiche che con Scuole Calcio Élite.

Iscrizioni

Le Scuole di Calcio Élite potranno aderire all’iniziativa inviando la propria adesione direttamente al Coordinatore Federale Regionale del Settore Giovanile e Scolastico, entro i termini stabiliti dal Coordinatore Federale SGS competente nel territorio e comunque non oltre il prossimo 31 Ottobre.

Alla fase preliminare ciascuna società può iscrivere una sola squadra.

Il Torneo prevede:
• Una fase preliminare Provinciale/Regionale, una fase Interregionale e una fase Nazionale
• I Coordinatori Federali Regionali SGS determineranno calendario incontri e modalità di accesso alla fase regionale in considerazione dei criteri indicati nel presente regolamento
• Le fasi Provinciali e Regionali si svolgeranno solo dove il numero di squadre iscritte sarà sufficiente per garantirne lo svolgimento, suddividendo le società in incontri a cui partecipano di norma 3 o 4 squadre (concentramenti)
• Nelle regioni dove il numero delle squadre iscritte non sia sufficiente per garantire lo svolgimento delle fasi Provinciali o Regionali, le società verranno accorpate a Regioni limitrofe
• Da ciascuna Regione/Territorio verrà individuata una sola società che potrà partecipare alla fase Interregionale, coinvolgendo in totale 16 squadre. La ripartizione regionale verrà determinata successivamente a seguito della definizione delle squadre partecipanti.
• Le Fasi Interregionali saranno organizzate in un’unica giornata, suddividendo le partecipanti in 4 gruppi in cui sono coinvolte 4 squadre per ciascuno, nei week-end compresi tra il 21 Aprile ed il 13 Maggio, nelle città che verranno rese note con apposito Comunicato Ufficiale nelle aree Nord-Est, Nord-Ovest, Centro e Sud, unitamente al calendario gare.
• Le prime classificate di ogni raggruppamento della fase Interregionale saranno ammesse alla Fase Finale Nazionale che si svolgerà a Coverciano (FI) nel week-end del 26-27 Maggio 2018. I costi di trasferta e soggiorno previsti per tale fase saranno a carico dell’organizzazione

Norme di Tesseramento

Possono partecipare al Torneo giovani calciatori e giovani calciatrici regolarmente tesserati FIGC con la propria società per la stagione in corso.

Prestiti

Trattandosi di attività Ufficiale i prestiti non sono consentiti.

Identificazione dei calciatori

I Tecnici, i Dirigenti o gli eventuali Arbitri, che arbitreranno le gare, prima di dare inizio ad ogni concentramento o alle manifestazioni previste, dovranno controllare che i dati dei documenti di identificazione corrispondano a quelli trascritti nell’elenco di gara, come previsto dall’Art. 71 delle N.O.I.F. “identificazione dei calciatori”.

Giustizia sportiva

La Giustizia sportiva sarà amministrata durante la fase provinciale/regionale dal Giudice Sportivo Territoriale e durante le fasi interregionali e nazionali dal Giudice Sportivo Nazionale del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC che applicherà le norme del Codice di Giustizia sportiva.
• L’eventuale espulsione di un calciatore nel corso di una qualsiasi gara comporta la squalifica automatica per una gara;

• L’eventuale espulsione del portiere nel corso di una qualsiasi gara non comporta la squalifica automatica, in deroga a quanto previsto dall’articolo 19 comma 10 del CGS;
• I calciatori che incorrono in due ammonizioni saranno squalificati per una gara. Le ammonizioni comminate nella fase interregionale che non comportino squalifica verranno azzerate nella fase Nazionale.

La violazione di quanto previsto dall’art. 4 del regolamento tecnico di giuoco sulla sostituzione di calciatori determinerà l’applicazione della punizione sportiva della perdita della gara.

Avverso i provvedimenti del Giudice Sportivo non è ammesso “reclamo”.

Arbitraggio delle Gare

Le partite saranno arbitrate da Tecnici o Dirigenti regolarmente tesserati dalla F.I.G.C messi a disposizione dalle Società partecipanti o dall’organizzazione del Torneo.

In ogni caso i rapporti gara con allegate le distinte dei giocatori dovranno essere trasmesse al Comitato Organizzatore di competenza, nei termini previsti per la necessaria visione del giudice sportivo.

REGOLAMENTO TECNICO DI GIOCO

Art. 1 – Il campo di gioco

Le dimensioni del terreno di gioco saranno comprese tra i seguenti valori:
Lunghezza: misure minime 60 mt. misure massime 70 mt.
Larghezza: misure minime 40 mt. misure massime 50 mt.

La dimensione dell’Area di Rigore è delle seguenti valori: Lunghezza: 13 mt.
Larghezza: 30 mt.

A seconda delle necessità, il campo di gioco potrà essere tracciato anche utilizzando i seguenti riferimenti sul campo di calcio a 11 regolamentare:
a) Orientando il campo da un limite dell’area rigore al limite dell’area di rigore della metà campo opposta;
b) Orientando il campo trasversalmente al campo da calcio regolamentare, da una linea laterale del campo alla linea laterale del lato opposto. In tal caso è possibile utilizzare una sola metà del campo a 11.

Le dimensioni delle porte saranno comprese tra i seguenti valori: 5-6 x 1,80-2 metri.

Art. 2 - Pallone

Il pallone utilizzato per le gare è convenzionalmente identificato con il numero “4”.

Art. 3 – Modalità di svolgimento e Durata delle gare

Laddove possibile, lo sviluppo dell’attività prevede l’organizzazione di incontri a cui partecipano di norma 3 o 4 squadre (concentramento)
Ad ogni concentramento le squadre si confronteranno in Gare 9 vs 9 e prove di abilità tecnica (Shootout) a confronto (Vedi Regolamento Gioco Tecnico)
Le gare si svolgeranno tutte nella medesima giornata e verranno suddivise in 3 tempi di gioco della durata di 15’ ciascuno (nel caso di 2 gare giocate nella stessa giornata), oppure in 2 tempi da 15’, in caso di 3 gare.

Nelle gare sarà applicato il fuorigioco, coincidente con la linea del limite dell’area di rigore.

La regola relativa al ‘retropassaggio al Portiere’ verrà applicata integralmente, come previsto nel Regolamento del Giuoco del Calcio, per cui il portiere, ad esempio, non può raccogliere la palla con le mani a seguito di un passaggio effettuato con i piedi da un compagno di squadra.
La Rimessa dal fondo dovrà essere effettuata con palla a terra all’interno dell’area di rigore. È concesso il rinvio del portiere.

Art. 4 – Sostituzione dei giocatori

Tutti i calciatori in distinta dovranno giocare almeno un tempo dei primi due; pertanto al termine del primo tempo dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni e i nuovi entrati non potranno più essere sostituiti fino al termine del secondo tempo tranne che per validi motivi di salute; mentre durante il gioco sarà possibile sostituire coloro che hanno già preso parte al primo tempo per intero; nel terzo tempo, quindi, potranno essere effettuate sostituzioni liberamente, purché a gioco fermo.

Art. 5 – Punteggi e classifiche

In linea con i principi pedagogici che sostengono la formulazione delle graduatorie, di seguito si indicano i parametri che verranno considerati per la formulazione delle graduatorie stesse.
La “GRADUATORIA DI MERITO/CLASSIFICA” finale sarà data dalla somma dei punteggi C e D.
Le squadre prime classificate nella graduatoria di merito accederanno alla fase successiva, secondo quanto determinato dal regolamento specifico indicato dal competente Ufficio del Coordinatore Federale Regionale SGS.

A. ATTRIBUZIONE PUNTEGGIO “GARA”
Il risultato della “GARA” nasce dalla somma dei risultati dei tre tempi: quindi ogni tempo non costituisce gara a sé, ma “mini-gara”. Per le diverse combinazioni del risultato finale, si prenda ad esempio la tabella esemplificativa riportata qui di seguito:

COMBINAZIONE RISULTATI E PUNTEGGIO GARA
Pareggio in tutti e tre i tempi della gara: risultato finale 3-3
Due tempi in pareggio ed un tempo vinto da una delle due squadre: 3-2
Un tempo in pareggio e due tempi vinti da una delle due squadre: 3-1
Vittoria della stessa squadra in tutti e tre i tempi: 3-0
Una vittoria a testa ed un pareggio nei tre tempi: 2-2
Due vittorie di una squadra ed una vittoria dell’altra nei tre tempi: 2-1

B. ATTRIBUZIONE PUNTEGGIO “ABILITA’ TECNICHE”
Alla squadra che risulterà vincitrice nella sfida di “ABILITÀ TECNICHE”, gli “Shootout”, verrà assegnato un punto da aggiungere al risultato della “GARA” per la squadra che ha vinto, oppure un punto per ciascuna squadra in caso di parità.

C. ATTRIBUZIONE PUNTEGGIO “INCONTRO”
Il risultato complessivo dell’“INCONTRO” è determinato dalla somma dei risultati dei tempi di gioco e del gioco di Abilità Tecnica, determinando il RISULTATO FINALE, a seguito del quale, in ogni incontro vengono assegnati i seguenti punti:
3 punti in caso di vittoria 1 punto in caso di parità
0 punti in caso di sconfitta

Al termine degli incontri verrà determinata la graduatoria finale, che assegnerà i seguenti punti validi per la graduatoria generale da utilizzare per determinare le società che parteciperanno alla fase regionale, interregionale e/o nazionale:
1^ classificata punti 10
2^ classificata punti 8
3^ classificata punti 5
4^ classificata punti 3

Nel caso in cui due o più squadre terminino il girone ed i relativi incontri con lo stesso numero di punti, verranno considerati i criteri in ordine elencati:

1. Esito degli incontri diretti (risultato dei 3 tempi di gioco)
2. Esito delle sfide agli “Shoot Out”
3. Miglior punteggio ottenuto nella graduatoria “FAIR PLAY”
4. Miglior punteggio ottenuto nella graduatoria “BONUS”
5. Sorteggio

Le graduatorie FAIR PLAY e BONUS verranno considerate utili per determinare la classifica finale solo dopo la verifica dei punti 1 e 2 dei criteri sopra citati.
Nel caso in cui il punteggio FAIR PLAY e BONUS sia ancora in parità, per la determinazione della migliore classificata, si procederà come previsto al punto 5.

D. ATTRIBUZIONE PUNTEGGIO “BONUS”
Per il punteggio “BONUS” valgono i seguenti parametri che aggiunti ai punti ottenuti a seguito dei risultati del raggruppamento, andranno a contribuire alla determinazione della “Graduatoria di Merito” per l’accesso alle successive fasi previste.

PUNTEGGIO “BONUS” E PUNTI
Squadra Esordienti con almeno 16 giocatori in distinta gara 2

Partecipazione al raggruppamento di almeno 3 bambine (farà fede il referto arbitrale sottoscritto dai dirigenti delle società coinvolte in ciascun incontro, utilizzate secondo quanto previsto dal regolamento) 1

Rapporto tra tecnici con qualifica “UEFA” del Settore Tecnico e numero tesserati giovani (tra Piccoli Amici e Allievi) (UEFA-PRO, UEFA-A, UEFA-B, Grassroots C_Licence, etc.) 1 punto per un tecnico ogni 40 tesserati
PS – Nel rapporto possono essere considerati anche i tecnici che, con qualifiche alternative, sono stati considerati “responsabili” nelle categorie “Piccoli Amici” e “Primi Calci” 2 punti per un tecnico ogni 25 tesserati

Rapporto tra numero di squadre iscritte (nelle categorie comprese tra Primi Calci ed Allievi) e numero di tesserati:
1 squadra per al massimo 20 tesserati (nessun punto verrà assegnato qualora nel rapporto venga superato il limite medio di 20 tesserati) 1

Nel caso in cui due o più squadre abbiano lo stesso numero di punti nella graduatoria di merito, verranno considerati i criteri in ordine elencati:
1. Numero di punti ottenuti nel raggruppamento in rapporto al numero di gare giocate
2. Esito delle sfide agli “Shoot Out”, in rapporto al numero di confronti disputati
3. Miglior punteggio ottenuto nella graduatoria “FAIR PLAY”
4. Miglior punteggio ottenuto nella graduatoria “BONUS”
5. Sorteggio

Le graduatorie FAIR PLAY e BONUS verranno considerate utili per determinare la classifica finale solo dopo la verifica dei punti 1 e 2 dei criteri sopra citati.
Nel caso in cui il punteggio FAIR PLAY e BONUS sia ancora in parità, per la determinazione della migliore classificata, si procederà come previsto al punto 5.

PARTECIPAZIONE ALLE FASI REGIONALE, INTERREGIONALE E/O NAZIONALE

Per determinare le squadre che parteciperanno alla fase Regionale e/o Interregionale, le squadre di ogni raggruppamento verranno inserite in una graduatoria generale che tiene in considerazione i punti guadagnati nel proprio raggruppamento a seconda della posizione in classifica (10, 8, 5 oppure 3) ed i punti “BONUS” previsti. Le squadre prime classificate nella graduatoria di merito accederanno alla fase successiva, secondo quanto determinato dal regolamento specifico indicato dal competente Ufficio del Coordinatore Federale Regionale SGS.

Per quanto non previsto dal presente Regolamento, si fa riferimento al Regolamento del Giuoco del Calcio, al Comunicato Ufficiale n° 1 del Settore Giovanile e Scolastico del 01/07/2017 e a sue successive Circolari
esplicative inerenti le modalità di svolgimento delle gare nelle categorie dell’attività di base, con particolare riferimento a quanto disciplinato per la categoria Esordienti (rif. Comunicato Ufficiale n° 5 del 22/08/2017)

REGOLAMENTO GIOCO DI ABILITA’ TECNICA

“SHOOTOUT”: 1:1, rigore in movimento

NORME REGOLAMENTARI

1. Il Gioco di Abilità Tecnica è una sfida agli “ShootOut”: sfida 1:1 tra giocatore e portiere delle due squadre che si confrontano.

2. L’obiettivo è quello di favorire l’apprendimento della tecnica, in particolare nel tiro in porta e nel dribbling (1:1).

3. Il calciatore che svolge il ruolo di attaccante parte con la palla al piede da una distanza di mt. 20 dalla porta ed ha il tempo massimo di 8” per terminare l’azione.
La partenza viene determinata dal fischio dell’arbitro. Dal fischio dell’arbitro parte il conteggio del tempo.

4. Il portiere deve posizionarsi sulla linea della porta e può muoversi in avanti quando parte l’azione dell’attaccante (quindi potrebbe non coincidere con il fischio dell’arbitro).

5. Nel caso di respinta del portiere, palo o traversa l’azione deve considerarsi conclusa e non sarà possibile colpire ancora il pallone per una seconda conclusione.

6. Gli “Shootout” verranno effettuati da tutti i calciatori partecipanti alla gara, tenendo conto degli obblighi fissati dal regolamento tecnico delle gare in merito alle sostituzioni. Di seguito il dettaglio relativo alla procedura:
a. prima dell’inizio del primo tempo della gara verranno effettuati contemporaneamente n°9 “Shootout” per squadra, coinvolgendo i calciatori che devono prendere parte al primo tempo, compreso il portiere.
b. prima del secondo tempo verranno effettuati ulteriori n°9 “Shootout” coinvolgendo i calciatori che devono prendere parte al secondo tempo, compreso il portiere.

7. Al termine degli “Shootout” verrà considerata la somma dei goal realizzati da entrambe le squadre nelle due fasi.
La squadra risultata vincitrice guadagnerà un punto da aggiungere al risultato dell’incontro (come se fosse un quarto tempo di gioco).
In caso di parità, come per i tempi di gioco, verrà assegnato un punto a ciascuna squadra.

REGOLAMENTO FAIR PLAY

CONDIZIONI GENERALI

1) Promotore dei valori che contraddistinguono l’evento, la gara verrà valutata anche in merito alla condotta FAIR PLAY dal Comitato Organizzatore e dagli Arbitri.

2) L’obiettivo è quello di favorire lo spirito sportivo tra i giocatori, i responsabili delle squadre e lo staff organizzativo, di contrastare i cattivi comportamenti ma anche di incoraggiare e valorizzare quelli buoni.

3) Al fischio finale di ciascuna partita l’arbitro compilerà il form di valutazione della gara.

4) Eccezionalmente, il Comitato Organizzatore si riserva il diritto di premiare o punire i comportamenti delle squadre con un ulteriore punto, o, in caso di comportamenti significativamente negativi, proporre l’esclusione dall’attività

CRITERI DI VALUTAZIONE

A. Da parte degli arbitri
La valutazione del comportamento delle squadre durante le partite viene effettuata tenendo conto di:
– Comportamenti di Fair Play premiati dall’Arbitro con il Cartellino Verde (“Green Card”)
– Atteggiamenti sanzionati dall’arbitro
– Atteggiamenti nelle aree tecniche (anche se non sanzionati dall’arbitro)
– Atteggiamenti fuori dal campo prima, durante e dopo la gara

1) Premiazione di comportamenti di Fair Play significativi riportati dall’arbitro (es. non finalizzare una sicura occasione da goal per permettere di soccorrere un avversario infortunato, etc.):
(a) Green Card: +1 punto per ciascun cartellino verde
(con motivazione da riportare chiaramente nel referto dell’arbitro)

2) Sanzioni per non conformità con le regole del gioco (riportate dell’arbitro):
(a) Ammonizioni: -1 punto per ciascun cartellino giallo
(b) Espulsioni: -5 punti per ciascun cartellino rosso

3) Sanzioni applicate per comportamenti nelle aree tecniche (anche se non sanzionati dall’arbitro):
(a) Continuo vociare o urlare: -5 punti
(b) Proteste nei confronti dell’arbitro: -5 punti
(c) Mancato rispetto del protocollo prima, durante e dopo la partita (p.e. non stringere le mani della squadra avversaria): -5 punti
(d) Atteggiamenti violenti (verbali o fisici): -5 punti
(e) Lasciare l’area tecnica sporca: -5 punti

4) Premiazione di comportamenti di Fair Play significativi riportati dall’arbitro prima, durante e dopo la gara (es. accoglienza della squadra avversaria, condivisione della procedura di ingresso in campo, organizzazione/partecipazione a “terzo tempo Fair Play”.):
(a) +1 punto complessivo per l’atteggiamento positivo riscontrato

VALUTAZIONE FINALE

1) La valutazione finale di ogni squadra verrà calcolata sommando i punti assegnati da arbitri e Comitato Organizzatore, nel corso delle gare del concentramento.

2) In caso di parità, i criteri utilizzati per determinare la migliore classificata, saranno, nell’ordine, i seguenti:
a. La squadra che è stata meno sanzionata durante la competizione (da arbitro e/o dal Comitato Organizzatore)
b. La squadra che ha mostrato più rispetto dei valori durante la competizione (da arbitro e/o dal Comitato Organizzatore)
c. La squadra che ha ottenuto il maggior numero di “Green Card”

3) La graduatoria finale FAIR PLAY potrà essere determinante per la definizione della graduatoria finale, secondo quanto stabilito dall’Art. 5 “Punteggi e Classifiche” del regolamento generale.

4) Il Settore Giovanile e Scolastico si riserva l’opportunità di invitare alla fase finale nazionale una o più società che si sono particolarmente distinte nell’ambito del Fair Play.